ACCADDE … DOMANI

Questo piccolo spazio, nel nostro sito, è riservato a quella che, appunto, alcuni chiamano La Piccola Storia, quella che a volte può anche non finire nelle grandi pubblicazioni, nelle Opere Omnia, ma che comunque contrassegna la vita di tutti i giorni, la storia che narra quello che …ACCADDE DOMANI

1/febbraio/1827
Comacchio, inizia a gestire direttamente i problemi delle valli, questo per volere del Pontefice Leone XII. Tale disposizione avrà valore fino al 7 luglio del 1868 ma già nel 1859 i territori passeranno sotto il potere del Governo Italiano.

3/febbraio/1502
Un momento di grandissima festa nello splendore degli Este:entra in Ferrara Lucrezia Borgia,figlia del Cardinale Roderic de Borja, poi Papa Alessandro VI, che va in sposa al duca Alfonso I. L’evento è salutato con una serie di festeggiamenti, tra balli di gala in Palazzo Schifanoia e rappresentazioni teatrali nel Palazzo della Ragione. Le cronache riportano che un ladro strappò ad un nobile presente una preziosa collana e che, catturato, fu tosto impiccato. Lucrezia, grazie al suo stile e alla sua intelligenza, riuscì ben presto a far dimenticare ai suoi sudditi le origini non cristalline e i suoi due matrimoni precedenti, dovuti comunque ad una ragion di stato, fu comunque una accorta donna politica e illuminata mecenate.

3/febbraio
Festa di San Biagio; in quanto grande taumaturgo, amato come protettore della gola, ancora oggi vede affollarsi la sua Chiesa a Ferrara in via Lucchesi, di fedeli che onorano le sue reliquie.

5/febbraio/1831
Esplodono i moti rivoluzionari. Prima a Modena, poi in pochi giorni anche a Ferrara:si verificano scontri violenti con le truppe pontificie. Si nomina una giunta cittadina, il cui segretario è il conte Gaetano Recchi.

6/febbraio/1849
Continuano gli asti, ben presto sfociati in scontri, tra i ferraresi e gli austriaci. La tensione è continua e in uno scontro viene ucciso un giovane, Giacomo Sani.

7/febbraio/1929
Narrano le cronache di un altro freddissimo inverno: le acque del Po rimangono gelate per molti giorni ,e anche questa volta è una grande sofferenza per i senza casa che dormono in ricoveri di fortuna. Se ne ricorda uno, Apollonio Formaggi, che viene trovato morto nell’androne del Ridotto del Teatro Comunale.

7/febbraio/1951
Un decreto del Presidente della Repubblica sancisce la nascita dell’Ente per la colonizzazione del Delta Padano. Lo scopo, all’interno della legge di riforma fondiaria, è quello di far diventare gli operatori agricoli ,con un termine che ha segnato un’epoca, assegnatari ossia proprietari di piccoli appezzamenti terrieri, finalizzando questa operazione ad una migliore e più importante produzione. L’area interessata andava da Chioggia a Ravenna.

8/febbraio/1419
Arriva in città il Pontefice Martino V e lo accoglie il marchese Nicolò III (solo con l’arrivo di Borso viene acquisito il titolo di Duca). Buoni sono i rapporti in questo periodo tra Ferrara e il Papato, tanto che Martino V legittimò Leonello, uno dei tanti figli naturali di Nicolò.

8/febbraio/1591
Cento da i natali ad un grandissimo artista,uno dei più grandi pittori del Seicento, Giovanni Francesco Barbieri detto il”Guercino”. Questo appellativo gli giunge per un accentuato strabismo del suo occhio destro,che lo angustia fin dalla adolescenza.

11/febbraio/1910
Aroldo Bonzagni, grande pittore, vignettista satirico e cartellonista, è tra i firmatari a Milano del Manifesto dei pittori Futuristi; moltissime delle sue opere sono conservate a Cento.

13/febbraio/1960
Via Ghiara, a Ferrara vede, a fianco del celebre palazzo Tassoni, la nascita del padiglione “Lombroso” dedicato a ospitare i servizi psichiatrici del territorio. Avrà questa funzione fino agli anni Settanta, allorquando un nuovo movimento definito Psichiatria democratica, precursore Antonio Slavich, supererà l’istituzione manicomiale, definitivamente conclusa con la legge 180.

14/febbraio/1860
Per il processo di statalizzazione, l’Università di Ferrara assume il nome definitivo di Università degli studi. Inizialmente le facoltà sono quattro: giurisprudenza, farmacia, medicina e chirurgia, scienze matematiche, fisiche e naturali. L’anno accademico 1994-95 vede ben 12709 iscritti.

15/febbraio/1481
Di questo periodo è una lettera che Lorenzo de’ Medici invia a Ercole d’Este, per ringraziarlo di un dono che l’Estense gli aveva fatto avere “Io ringrazio l’eccellenza vostra del salame che s’è degnato di mandarmi e che mi è stato graditissimo….”Si tratta di una ,evidentemente riuscitissima ,salama da succo, che poi prende il nome di salamina da sugo.

16/febbraio/1264
Un lutto, destinato a lasciare conseguenze in futuro, sconvolge la corte estense: muore Azzo Novello,gli succede, per meriti propri ma principalmente per le importanti manovre di Aldigerio Fontana, molto potente a corte, il giovanissimo Obizzo II, figlio di Rinaldo, appena diciassettenne. Obizzo II d’Este assume cosi il titolo di primo podestà di Ferrara.

17/febbraio/1525
Le problematiche relative alla gestione della caccia, non sono cose proprie dei nostri tempi, anzi se ne trova traccia fin dai tempi antichi e sicuramente da quelli degli Estensi: chiaramente allora le norme trovavano più preciso rispetto, e comunque erano tenute in maggior conto, se le cronache riportano la vicenda di tal Domenico della Roversella, che fu giudicato, condannato a morte e giustiziato “per aver ammazzato due fagiani”.

18/febbraio/1945
Grande manifestazione a Bondeno delle donne del territorio che scendono in piazza contro la pressione dei nazi-fascisti in difesa dei loro uomini, soggetti ai rastrellamenti. Durante un comizio tenuto dal palazzo comunale, vengono distrutti i registri dell’anagrafe per impedire di rintracciare gli uomini.

19/febbraio/1797
Il territorio del boscone di Mesola e relative costruzioni,tra le quali la villa, prima di proprietà degli Estensi e poi del governo Pontificio, vengono ceduti alla Repubblica francese, in ossequio del trattato di Tolentino. Nella sua storia più recente, nel 1919, il latifondo della Mesola entra nelle proprietà della Società per la bonifica ferrarese.Oggi il bosco rappresenta un meraviglioso esempio di bio-diversità.

20/febbraio/1885
Un uomo, il cui grandissimo ingegno segnò il mondo finanziario,del credito, in particolare nel campo della marina mercantile, dello sviluppo turistico-alberghiero vede i natali a Ferrara: Vittorio Cini, di nobile e ricca famiglia. Viene eletto nel 1934 senatore e fu tra i sostenitori a Roma della progettazione e costruzione del quartiere Eur e della esposizione universale chiamata “E42”. In nome di suo figlio Giorgio,tragicamente scomparso in un sciagura aerea nel’48, istituisce nell’isola di S.Giorgio a Venezia,una importantissima fondazione di promozione culturale e scientifica. Nella nostra città,sempre al figlio Giorgio,è intestato un istituto culturale religioso sito in un palazzo donato dal conte. Non fu estraneo neanche al mondo più laico della attualità della moda,dello spettacolo: sposò la conosciutissima diva del cinema muto Lyda Borelli.

21/febbraio/1953
Un grande passo in avanti anche a Ferrara nel mondo di una più moderna alimentazione:la centrale del latte inizia la commercializzazione del latte in bottiglie, confezionate, sterilizzate e sigillate. Questo ad un costo leggermente più alto della solita distribuzione:costa 80 lire a bottiglia, mentre il latte sfuso era commercializzato a 72 lire . Comunque non sarà più necessario bollire il latte prima del consumo.

22/febbraio/1517
Una ordinanza del Comune che sembra molto in anticipo sui tempi:viene ordinato ai “massari” di contrada di organizzare i primi interventi in caso di incendio nella città, quasi una protezione civile. Pare che comunque altro scopo importante fosse quello di presidio del territorio per evitare fenomeni di sciacallaggio, già allora molto comuni in caso di sciagure.

22/febbraio/1907
Sembra certo in questi giorni l’inizio delle proiezioni cinematografiche nel locale denominato Lumières in corso Porta Reno; le proiezioni erano previste dalle ore 15 in poi.

23/febbraio/1294
Il marchese Azzo d’Este viene nominato Podestà di Codigoro dall’Abate di Pomposa. La carica è assegnata per dieci anni. Naturalmente questi riconoscimenti non avvenivano in maniera gratuita:tra le altre prebende, si doveva versare al monastero di Pomposa tutte le offerte che si raccoglievano nella chiesa di S.Martino a Codigoro nei giorni di
Natale, Pasqua e S.Martino.

24/febbraio/1920
Per il movimento sindacale della bassa ferrarese e del territorio tutto,è il momento di una grande vittoria:sono in corso scontri durissimi tra il bracciantato agricolo e le proprietà terriere. Per conseguire un riconoscimento economico del loro lavoro, e quindi condizioni di vita più accettabili, i lavoratori si rifiutano di seminare canapa e bietole, creando grandi problemi ai proprietari,e riescono anche ad evitare l’arrivo nei campi di lavoratori stranieri (crumiri) come invece era successo in precedenti agitazioni. Finalmente il 6 marzo si raggiunge un accordo migliorativo per i braccianti con l’adozione di salari più consistenti.

25/febbraio/1867
Giuseppe Garibaldi è di passaggio a Ferrara e una folla osannante lo accoglie alla stazione ferroviaria per accompagnarlo a Palazzo Strozzi. All’indomani riparte per Venezia.

26/febbraio/1735
La guerra che le autorità fanno ai fiocinini di Comacchio ha fasi durissime: il cardinale legato Agapito Mosca, con un suo editto, decreta rivalse verso “coloro che vanno a fiocinare nelle valli in aggruppamento e armati d’archibugio facendo resistenza ai guardiani,e proibisce a chiunque la fabbricazione di fiocine e la contrattazione di pesce fiocinato”.

28/febbraio/1262
La Beata Beatrice I d’Este muore nel monastero di S.Antonio in Polesine. Era arrivata nel monastero nel 1257. Figlia del marchese Azzo VI e di Eleonora dei conti di Savoia, vede il suo culto approvato da Papa Clemente XIII nel 1763. Avvolte solo in un lenzuolo, le sue spoglie vennero poste nel sepolcro comune, ma esumate dopo due anni, vennero trovate ancora intatte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *