ACCADDE … DOMANI

Questo piccolo spazio, nel nostro sito, è riservato a quella che, appunto, alcuni chiamano La Piccola Storia, quella che a volte può anche non finire nelle grandi pubblicazioni, nelle Opere Omnia, ma che comunque contrassegna la vita di tutti i giorni, la storia che narra quello che …ACCADDE DOMANI

1/luglio/1846
Comincia a prendere vita una delle caratteristiche del centro città più care ai ferraresi:iniziano il lavori per il “Listone”, lungo circa 120 metri e largo 12. Inizialmente è una sorta di passerella per il transito pedonale, utilizzata anche come spazio per attività commerciali in particolare di frutta e verdura.

1/luglio/1981
Una serie di scavi, fino al 1984, interessa la centralissima zona tra via Ragno e via Vaspergolo. Voluti dai Musei di arte antica di Ferrara e dalla British Archeologycal School at Rome, portano alla scoperta di varie tipologie di fondamenta di abitazioni che si sono succedute in quella zona.

2/luglio/1471
Grazie alla costituzione a Ferrara di una delle prime tipografie italiane,si porta a termine la stampa del libro “Il Marziale”la cui stesura era iniziata da tempo.

3/luglio/1910
Novità molto innovativa in Ferrara: viene inaugurato il nuovo servizio di tranvia elettrica. A pagare per primi l’avvento di questa novità, non furono solo i cavalli che fino ad allora avevano trainato le romantiche carrozze, e che conseguentemente furono pensionati, ma anche Porta Po, che fu abbattuta per facilitare il transito.

4/luglio/1473
Abbandonando una linea di vicinanza con Venezia, che aveva sempre improntato la politica del suo predecessore Borso, Ercole I prende in sposa Eleonora d’Aragona, dando inizio ad una nuova alleanza. Come dice il Caleffini, questo matrimonio fu oltremodo sfarzoso,tanto da pesare con ulteriori vessazioni sul popolo. Tra le altre spese al di fuori di ogni comprensione, si ricordano quelle per l’acquisto di 900 vitelli, 200 porchette grosse, 2500 tra agnelli e capretti, 200 castrati, 14mila capponi, e via di seguito.

4/luglio/1849
Anita Garibaldi, durante la fuga di Giuseppe,piena di traversie, muore a Mandriole, tra Ferrara e Ravenna.

6/luglio/1533
Ferrara perde uno dei suoi poeti più grandi:muore infatti oggi Ludovico Ariosto,in questa città che aveva sempre sentito sua, pur essendo nato a Reggio Emilia. Fin dal 1504 fu al servizio della casa d’Este, e fino al 1516 fu impegnato nella preparazione della opera che lo ha consegnato alla storia, l”Orlando Furioso”.Ricoprì anche incarichi politici e di estrema fiducia, come quando il duce Alfonso lo inviò nella difficile terra della Garfagnana.

7/luglio/1849
Con un suo atto, poi ratificato dalla Santa Sede, il Cardinale Cadolini sancisce la Beata Vergine delle Grazie patrona della città. L’altro patrono è San Giorgio.

7/luglio/1868
Il Governo, tramite una convenzione,concede al comune di Comacchio di amministrare le valli,facoltà che fino ad allora il Governo aveva riservato a se stesso.

9/luglio/1798
L’autorità comunale di Ferrara comincia a individuare la numerazione degli edifici e dei quartieri della città. Le tradizionali denominazione delle porte, subiscono anch’esse uno sconvolgimento:porta S.Paolo diventa Porta Reno, S.Benedetto diventa Porta Po, S.Giovanni Battista diventa Porta Mare, S.Giorgio diventa Porta Romana.

9/luglio/1809
Ferrara è sconvolta da una rivolta popolare contro le nuove tasse . La gendarmeria e la guardia nazionale hanno una reazione violentissima, e molte sono le vittime tra uomini,donne,anziani e bambini.

10/luglio/1857
Il Pontefice Pio IX è in visita alla città per qualche giorno. Ferrara gli tributa onori osannanti e grandissimo affetto tanto che il Papa trovò “le strade coperte di fiori”.

11/luglio/1412
Per volere di Nicolò III d’Este, si iniziano gli scavi per la costruzione delle fondamenta del Duomo: Un intervento importante di pulizia dei marmi fu operato nei confronti dello splendido campanile, intorno al 1995, e proprio nei giorni odierni, siamo nel 2018, i Ferraresi tutti, ma non solo, sono in attesa di rivedere nuovamente la facciata del Duomo, ora ricoperta da teloni per i lavori di sistemazione in corso.

11/luglio/1797
Un’altra data fondamentale nella storia di Comacchio:grazie al famoso “rogito Giletti”,la Francia ” cede, rilascia, ritorna, vende e dà liberamente alla città di Comacchio e al popolo tutte le singole valli da pesca e sue adiacenze al prezzo di un milione di lire torinesi d’oro”.

12/luglio/1866
Ferrara riceve la visita del Re Vittorio Emanuele II, ma non è una visita di pura cortesia:il sovrano ha lo scopo di preparare l’esercito e provare a liberare il Veneto. Palazzo Strozzi Sacrati è la sede del suo seguito e qui si tiene nella serata del 29, un incontro ad altissimo livello, cui parteciparono, oltre ai più alti gradi dell’esercito stesso, i ministri Ricasoli e Depretis, un rappresentante di Garibaldi,il Principe Girolamo Bonaparte e l’ambasciatore di Francia.

13/luglio/1415
Dopo qualche anno, risultato necessario per la preparazione delle fondamenta del Campanile del Duomo, inizia la costruzione vera e propria con la posa della prima pietra. L’architetto Giovan Battista Aleotti, è tra gli esperti più impegnati in quest’opera.

14/luglio/1655
Dopo aver, in questa data, il Papa Alessandro VII sancito un importante mercato, con la concessione di agevolazioni per i commercianti, dopo qualche anno, il Cardinale Lorenzo Casoni dedica e intitola a San Filippo Neri questa manifestazione.

14/luglio/1913
Muore tragicamente a Milano,subito dopo il decollo da Malpensa, il giovane, appena diciottenne, aviatore ferrarese Roberto Fabbri. A lui viene intestato l’aeroporto di volo a vela della città.

15/luglio/1946
La nostra provincia vede lo svolgersi di una delle più grandi manifestazioni della sua storia: entrano in agitazione decine di migliaia di lavoratori del Basso Ferrarese, che vogliono la realizzazione di un acquedotto per quei territori, opera ormai indispensabile per problemi igienici e di sostegno della economia. L’opera era progettata da tempo,fin dal 1935, ma non aveva avuto ancora realizzazione. Anni più tardi, verrà costruito un impianto lungo il corso del Po, a Serravalle di Berra, e la sua sede amministrativa sarà fissata in Codigoro.

17/luglio/1675
Ferrara da i natali a Girolamo Baruffaldi. Laureatosi in filosofia, nel 1700 viene ordinato sacerdote. Tra le altre opere, di lui si ricordano “Dell’istoria della città di Ferrara” e “Vita di pittori e scultori ferraresi”.

18/luglio/1815
Terminato il dominio austriaco,Ferrara , con tutta la sua provincia, rientra nei possedimenti della S.Sede; rimane escluso solo Ariano.

18/luglio/1854
Nasce a Ferrara un gruppo sportivo che nel corso degli anni più volte cambia il suo nome: è la Società Schermistica, presidente onorario Giuseppe Garibaldi. Nel 1880 diventa Circolo ferrarese di scherma, poi Accademia d’armi Italo Balbo, poi ancora Accademia di Scherma Giancarlo Bernardi.

19/luglio/1939
Maria Ilva Biolcati, nasce a Goro. Successivamente assume il nome d’arte di Milva.

20/luglio/1366
Le campagne del ferrarese, vengono colpite da una impressionante invasione di cavallette, e saranno registrati gravissimi danni per tutte le coltivazioni: un altro fenomeno simile avverrà nell’estate del 1542.

21/luglio/1317
Prende il via un evento che si ripeterà per molti anni:una guerra finta e giocosa che squadre di ragazzi organizzavano e combattevano tra di loro. Nel corso degli anni nel gioco si mescolarono anche personaggi adulti, facendo si che lo stesso divenne oltremodo pericoloso, tanto che il Duca Alfonso II fu costretto ad abolirlo.

21/luglio/1577
Evento tragico nel cortile del Castello:muore il pittore Bartolomeo Faccino,cadendo da una impalcatura mentre dipinge sulla parete i volti di Duchi del casato estense.

23/luglio/1388
Obizzo d’Este,organizza una congiura per scardinare il potere dello zio Alberto .La trama fallisce, nonostante avesse il sostegno dei fiorentini,che desideravano entrare nella gestione del potere a Ferrara. Lui, sua madre Beatrice e tutti i cospiratori sono giustiziati e bruciati pubblicamente.

23/luglio/1989
Un politico ferrarese, sicuramente tra i più grandi, Nino Cristofori riceve il prestigioso incarico di Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel sesto governo Andreotti. L’esponente dell DC ferrarese era stato eletto deputato nel 1968, e lo fu per altre cinque legislature; uno degli impegni che più lo videro in prima fila, fu il restauro delle mura della città. Fu anche Ministro del Lavoro e Sottosegretario in vari ministeri.

25/luglio/1947
Ferrara ospita il primo grande evento di ginnastica del dopoguerra,che vede la partecipazione di circa tremila atleti, per lo più provenienti dai paesi dell’Est.

25/luglio/1963
Casa Romei inizia ,con una mostra di opere di Giovanni Boldini,una stagione di grandi eventi culturali,organizzati, coordinati e voluti dalla galleria di arte moderna, sotto la guida del grande concittadino Franco Farina.

26/luglio/1819
Comacchio da i natali a Nino Bonnet, un personaggio di primaria importanza nel periodo delle lotte risorgimentali. Grande fu il suo impegno per salvare dalla cattura Giuseppe Garibaldi,nella sua fuga con Anita, ormai vicina alla morte.

27/luglio/1735
Grande riconoscimento per la città di Ferrara che si vede innalzata al rango di sede arcivescovile ,grazie ad una bolla del pontefice Clemente XII.

27/luglio/1990
Massimiliano Duran, uno dei più grandi sportivi ferraresi, in un combattimento memorabile con Carlos De Leon, conquista il titolo mondiale dei pesi massimi leggeri.

27/luglio/1933
Continua la politica demografica del Regime. Anche a Ferrara vengono affissi manifesti che ufficializzano contributi anche importanti per le famiglie che avessero avuto più figli:ad esempio venivano concesse mille lire alle famiglie povere o quasi, comunque bisognose, che nei primi dieci anni dopo il matrimonio avessero procreato sei figli, e il contributo addirittura raddoppiava a duemila lire se i figli diventavano dodici nei venti anni di matrimonio

28/luglio/1608
Il Pontefice Paolo V da inizio alla costruzione della Fortezza, che viene strutturata su disegno di Pompeo Targone.

28/luglio/1798
Viene giustiziato per fucilazione,con grande enfasi , nello spazio antistante la chiesa di San Niccolò dei Paroni, fuori Porta Reno, don Pietro Zanarini era colpevole di aver abbattuto l’albero della libertà piantato dai giacobini di fronte alla sua chiesa.

29/luglio/1839
Michele Bergando, detto il Raguseo,personaggio ricchissimo, viene ucciso nel suo palazzo di via Spadari, probabilmente da malavitosi entrati dalle finestre.Essi vennero scoperti, quindi condannati all’impiccagione, poi assolti dal tribunale supremo della Sacra Consulta. Lo ricorda anche Riccardo Bacchelli, nel suo “Mulino del Po”.

30/luglio/1393
Muore un grande della famiglia estense: il marchese Alberto V. A lui si deve la edificazione in città di monumenti importanti che ancora oggi affascinano, come palazzo Paradiso e Schifanoia.

30/luglio/1476
Per arginare la delinquenza dilagante,con una disposizione del Giudice dei Savi messer Jacopo Trotto, vengono allontanati da Ferrara vagabondi e altre persone senza fissa dimora o comunque non gradite provenienti da altre città. E’ il capostipite del foglio di via.

31/luglio/1944
Nella notte la città viene pesantemente bombardata, e gravi danni si verificheranno anche in via Scandiana al Palazzo Schifanoia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *